fotografia, studio fotografico reggio emilia, mbn, laboratorio fotografico, laboratorio, fine art, laboratorio reggio emilia, fotografia reggio emilia, mostre, Officina fotografica, mbn reggio emilia

fotografia, studio fotografico reggio emilia, mbn, laboratorio fotografico, laboratorio, fine art, laboratorio reggio emilia, fotografia reggio emilia, mostre, Officina fotografica, mbn reggio emilia

fotografia, studio fotografico reggio emilia, mbn, laboratorio fotografico, laboratorio, fine art, laboratorio reggio emilia, fotografia reggio emilia, mostre, Officina fotografica, mbn reggio emilia

fotografia, studio fotografico reggio emilia, mbn, laboratorio fotografico, laboratorio, fine art, laboratorio reggio emilia, fotografia reggio emilia, mostre, Officina fotografica, mbn reggio emilia

fotografia, studio fotografico reggio emilia, mbn, laboratorio fotografico, laboratorio, fine art, laboratorio reggio emilia, fotografia reggio emilia, mostre, Officina fotografica, mbn reggio emilia
fotografia, studio fotografico reggio emilia, mbn, laboratorio fotografico, laboratorio, fine art, laboratorio reggio emilia, fotografia reggio emilia, mostre, Officina fotografica, mbn reggio emilia
 

VASCO ASCOLINI

Inizia a fotografare nel 1965, usando i toni bassi, per poi passare a quelli alti affascinato dalle immagini di Giuseppe Cavalli. Nel 1973 comincia il lavoro sul teatro al Valli di Reggio Emilia, dove riprende la ricerca del nero.

Negli anni ’70 decide di perseguire un cammino “fuori le mura”, non solo cittadine o regionali ma anche nazionali. Per il teatro si rivolge ai grandi musei degli Stati Uniti. Molte delle sue immagini sono oggi conservate al Metropolitan Museum e al MoMA di New York, nella Library Collection Artist Files. Una grande mostra al Lincoln Center nella Public Library, nel 1985, chiude la sua ventennale ricerca sul teatro. Ma prosegue il suo interesse sul genere e ad esporre.. Nella seconda metà degli anni ’80 comincia a lavorare sui beni culturali delle città, dalla loro fondazione a fine ‘800, mantenendo la cifra del nero. La Francia, tra tutti i paesi, è quella che lo accoglie più attentamente, conferendogli incarichi da realizzare all’interno delle sedi dei più importanti musei nazionali: come il Rodin (il primo), poi il Louvre, il Carnavalet, la Bibliothèque Nationale de France e tanti altri, come Les  Monuments Nat. de France. ENSBA de Paris.

I lavori realizzati ad Arles, grazie a Michèle Moutashar, gli danno all’estero molta visibilità. Ascolini conosce direttamente e riceve scritti da alcuni dei più grandi personaggi della cultura dell’altro secolo, come E. Gombrich, J. Le Goff, e A. Scharf. Tra gli storici più attenti verso la sua produzione ci sono: M. Mussini, S. Parmiggiani, al quale deve la sua unica mostra antologica, e I. Zannier, ma anche J. Arrouye, M. Dall’Acqua, Janus, J.C. Lemagny, M. Quétin, A. Schwarz, P. Sorlin, G. Vercheval, T. Wood, e giovani studiosi come M.C. Botti, J. Brard, G. Bresc, C. Breton, X. Canonne, A. Gioè, A. Griffiths, D. Giugliano, A. Kurkumelis, J.L. Monterosso, H. Pinet, R. Pujade, F. Raschiatore, F. Reynaud,  Fred Licht, Gianna Murazzo.

Nel 1991 riceve la “Grande Medaglia al merito della Città di Arles”.

Nel 2000 riceve la nomina a “Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres” dal Ministero della Cultura della Repubblica Francese.